Intervista a Young Digitals

Partirà a maggio a Udine il laboratorio di Young Digitals su “Digital strategy & social media marketing” organizzato dal Consorzio Friuli Formazione nell’ambito della Social Academy, il nuovo progetto formativo dedicato a coloro che desiderano implementare gli strumenti e i canali social sia nel proprio lavoro, che per promuovere se stessi.

Cominciamo a conoscere quelli che saranno i protagonisti di questo laboratorio di formazione, Guido Ghedin e Gessica Bicego di Young Digitals, la digital agency di Padova che il CFF ha conosciuto a Milano in occasione dello Young Digital Lab.

 

Ciao Gessica, Ciao Guido,

Potete innanzitutto parlarci del progetto Young Digitals? Perché “Young” e perché “Digitals”?

Guido: Young lo siamo ancora! Quando ho iniziato questo progetto ero under 25 , e siamo tutte persone nate negli anni ’80 e ’90, cresciute assieme ad Internet.

Ora siamo in 15, e l’età media del team continua ad essere sotto i 30. Digitals, perché crediamo che oggi la comunicazione non possa prescindere dalle strategie digitali, il modo più sensato per creare una comunicazione che raggiunga il target dove il target si trova.

Qual è il vostro ruolo all’interno dell’agenzia?

Guido: sono socio di Young Digitals dal 2011, coordino la ricerca, con focus internazionale ed una grande attenzione ai panorami digitali emergenti.

Mi occupo anche di formazione, e di raccontare ad eventi e nelle Università quello che facciamo e studiamo ogni giorno.

Gessica: lavoro con Young Digitals da più di un anno e all’interno dell’agenzia gestisco e coordino i progetti di comunicazione con un team di grafici, copywriter e digital strategists. Partecipo anche ai progetti di formazione… e la Social Academy sarà il prossimo step!

Partirà a maggio il corso Digital Strategy con il CFF: perché avete deciso di appoggiare il progetto Social Academy? E perché un altro corso sul social media marketing?

Gessica: L’idea di fare formazione e networking fa parte delle radici di Young Digitals ed è qualcosa a cui teniamo molto.

L’agenzia infatti è nata proprio da Young Digital Lab, progetto di formazione dove un network di professionisti under 30 del settore digital insegna come utilizzare al meglio questi strumenti di marketing.

Viviamo in un mondo che cambia molto in fretta,  crediamo sia importante rimanere sempre aggiornati.

Ormai non esiste più differenza tra il marketing online e quello offline: cosa significa quindi per una azienda essere “social”? Quali sono gli obiettivi che è possibile raggiungere attraverso la definizione di una strategia mirata e integrata di social marketing?

Guido: Ormai non ha più senso suddividere la comunicazione tra “digital” e “non digital”.

Le piattaforme digitali sono uno strumento fondamentale per permettere alle aziende di comunicare il proprio messaggio ed ascoltare i suoi consumatori, attuali e potenziali.

La comunicazione non è più top-down, non è più solo informazione, ma sta diventando un mix di fattori sempre più complesso, dai meme alle attività di digital PR.

E chi fa marketing deve fare i conti con questo.

Quali sono in questo momento i social network più utilizzati dalle aziende per promuovere i propri brand? E quali ancora poco usati?

Guido: A livello globale Facebook rimane l’hub principale ed irrinunciabile per la comunicazione aziendale.

Lavoriamo con moltissimi clienti su Facebook, anche se viene sempre più integrato in una strategia a più ampio spettro. Instagram, ad esempio, sta acquistando un’i importanza molto elevata per le aziende, anche in mercati come la Russia.

Poco usate invece per la comunicazione istituzionale sono le chat mobile come WhatsApp; i nuovi trend vengono dall’Asia, dove strumenti come WeChat e Line sono invece già molto utilizzati.

Volete parlarci del progetto Digital in the Round?

Guido: Digital In The Round è un osservatorio sugli scenari digitali diversi, su Internet in paesi in forte crescita come Russia e Cina, ma anche altre aree come l’Africa, il Medio Oriente e l’America Latina.

Milioni di persone usano piattaforme diverse rispetto a Facebook e Google, oppure integrano forti componenti culturali locali all’utilizzo dei social media globali.

Crediamo che solo osservando quello che succede nelle zone del pianeta in crescita, oggi, possiamo essere più influenti e competitivi in un mercato globale.

È un progetto collaborativo, che si basa su una serie di eventi e su un sito (www.digitalintheround.com) dove pubblichiamo report e ricerche, prodotte da noi e da una serie di professionisti che lavorano in giro per il mondo, da noi coordinati.

Comprese le risorse internazionali (da Russia e Cina) che oggi abbiamo integrato nel team Young Digitals.

Di cosa parlerete a Udine e perché sarà importante non mancare?

Gessica: Parleremo di digital marketing oggi, di com’è cambiato anche solo rispetto a 2 anni fa e, soprattutto, di come si sta evolvendo e di quanto sia importante avere un punto di vista globale.

Introdurremo le discussioni con una panoramica sullo stato attuale del rapporto tra persone e social network, tra computer e mobile, nella vita di tutti i giorni, dei ruoli principali nella gestione di un brand online.

Faremo esempi pratici di Facebook marketing mix, su come strutturare la comunicazione di brand nel social network più importante al mondo.

Punteremo a far comprendere i mezzi, il linguaggio e le strategie per coinvolgere il proprio target sui social media.

Non mancherà infine l’interattività, con una serie di esperienze concrete per capire come gestire nella pratica il marketing digitale (alcuni esempi di esercizio: stesura di un calendario conversazionale su più piattaforme, lancio integrato di un nuovo prodotto, crisis management).

Che cosa direste ai giovani che escono dalla scuola o dall’università e che decidono di intraprendere questa strada? Come si diventa un esperto di social media marketing/digital strategist nel 2014?

Gessica: Sporcandosi le mani, provando.

Può sembrare banale, ma è così.

Chi usa i social per passione personale, in genere, parte molto avvantaggiato, è in grado di entrare prima nei processi di comunicazione di brand online. È solo informandosi, studiando e capendo le cose che può fare la differenza rispetto agli altri, ed è un concetto che applichiamo anche a noi stessi, ogni giorno.

Ringraziamo Gessica e Guido e li aspettiamo a Udine!

..e adesso, siete pronti a diventare social?



Fallo sapere anche ai tuoi amici!